Stazioni/Gares - Fausta Genziana le Piane

Stazioni/Gares - Fausta Genziana le Piane

Collana: Frangipani
Pagine 48, euro 7,50
ISBN 978-88-96840-33-7
Volume bilingue (Italiano con a lato la traduzione in francese)
Traduzioni: Patrick Blandin dell'Université de Toulouse et de Bordeaux e Alexandre Meichler.
Copertina: Giuseppe Fedele Di Maggio
Rielaborazione grafica a cura di Giuseppe Spataro

Titolo esauritoTitolo fuori catalogo

Lo sguardo e la parola  
Quando Fausta mi ha chiamato per chiedermi di scrivere l’introduzione alla sua raccolta di poesie, prima di riagganciare, si e lasciata sfuggire: «...perchè non dire come ci siamo conosciuti?». Avevo già l’avvio di una prefazione che non e la lettura di un ammiratore, né quella di uno specialista. Soltanto la parola di un amico.
 
«Mi piaci!». Ecco come ci siamo veramente incontrati: con queste due parole. Dette da lei all’improvviso nel corridoio della scuola dove collaboravamo. Era novembre, da più di un mese lavoravamo in squadra, lei era il professore ed io il Francese di passaggio. Tra una lezione e l’altra, Fausta mi ha proposto di andare a prendere un caffè. Ho accettato: quel caffé e diventato una pausa necessaria ed anche un momento atteso. Di che parlavamo? Di tutto e di niente, di letteratura e di cinema, di librerie e di caffé, degli Italiani e della Francia, che Fausta conosce meglio di me e di molti Francesi. In poche parole, abbiamo fatto conoscenza.
 
I mesi sono passati, e poi gli anni. Tra la Francia e l’Italia, le lettere, le telefonate, i pacchetti hanno tracciato un cammino. Quando ci davamo appunto, a Roma, era sempre in un caffè. É qui che ho saputo che scriveva «poesie…». Me ne ha dato una, poi due, poi una manciata: in tutte l’ho trovata. Era lei, ma differente. Poiché tutte, in un gioco di specchi sapiente, ma spontaneo, rinviano le une alle altre e finiscono col disegnare il ritratto dell’autrice.
 
Né da troppo vicino - l’io e sempre irraggiungibile, sempre altrove -, né da troppo lontano - certe metafore ci fanno quasi sentire la sua pelle contro la nostra -, Fausta Le Piane evoca i dolori sordi che lacerano come i veri istanti di pienezza. E ciò, attraverso uno spazio e un tempo che riservano molte sorprese. Uno spazio : dei paesaggi. A considerare i collage, le foto, la prosa e la poesia, si scopre in Fausta Le Piane una geografia ben definita. Questa geografia e rappresentata prima di tutto dai paesaggi urbani: il caffè, la stazione o l’albergo, questi luoghi di passaggio sono tutti legati ad una partenza - Departure I e II - che spesso nasconde una fuga. Una fuga che trascina il lettore verso paesaggi assoluti: il mare in cui l’io naufragherà, come il deserto, sono dei luoghi nei quali la narratrice pone tutte le sue speranze. Ma attenzione, che siano urbani o assoluti, questi paesaggi sono prima di tutto dei paesaggi mentali: la stazione e l’idea della stazione, e, di conseguenza, l’idea della partenza, della fuga. Allo stesso modo, il mare, il deserto, rimandano all’idea d’immensità e al desiderio del perdersi in questa immensità…. Un tempo: il tempo della scrittura. Le poesie e la prosa >hanno un solo tempo: il presente. Eccoci vicino a quell’io che si affida e sfugge. Ma quale presente? Quello dell’azione? Quello della lettura? La risposta e altrove: nel presente della scrittura. Un tempo ripiegato su se stesso, chiuso e tuttavia in movimento.
 
Quando Fausta Le Piane scrive «(...) cammino peregrina / tra i miei soffi leggeri» - Errare - quale limite temporale fissa a questo «cammino»? Nessuno. Si tratta di tradurre un presente…che dura. Si arriva alla vera natura dei suoi scritti: luogo chiuso ricordiamoci che si tratta di spazi mentali e tempo chiuso: è sotto il segno della chiusura che sembra porsi la sua opera. E d’altronde lei stessa ci dà la chiave della sua scrittura parlando più volte di quel labirinto da cui l’io non può uscire e dove si moltiplicano le esperienze «labirinto ignoto» in Rebus, «labirinto del tuo destino» in Medusa… Il labirinto diventa una specie di giardino chiuso simile a quel dedalo di cui Arianna (Rebus) è l’eroina. Locus raramente amoenus fatto di naufragi, di pietrificazioni, di partenze senza ritorni, di piccole e grandi violenze, ma, prima di tutto, luogo di solitudine in cui si esercita appieno lo sguardo primo legame col mondo. Ed è attraverso questo sguardo «Il mistero dello sguardo», Taxi che passa la ricerca. La ricerca del desiderio. Ricerca del desiderio.
 
In Fausta Le Piane, tutto si costruisce su e a partire dal desiderio. Il desiderio che rinchiude nel labirinto, il desiderio che, a poco a poco, costruisce questo labirinto. Il desiderio come matrice di questo mondo che si spiega dinanzi a noi, un mondo di storie. Perché in questo mondo chiuso, dal tempo unico il presente “la parola non è la cosa, ma un lampo alla cui luce la si scopre”1. E in contesto la chiusura stessa favorisce la moltiplicazione delle immagini di cui le parole non sono che il punto di partenza e il lettore, un contenitore. La parola: un'espressione del desiderio. Qui, come altrove in poesia, si potrebbe avvicinare la parola poetica all’ atto compulsivo psicoanalitico: una parola liberata perché così dev’ essere, perché non è possibile altrimenti. Questa parola - il “lampo” di cui parla Diderot è un soffio che esposta fuori e/spressa -, consegnata all’ Altro. La poesia, luogo di passaggio e oggetto che ci si passa, fa nascere nel lettore - il destinatario - moltitudini di immagini, proprio come un solo fuoco d artificio, lanciato nel cielo in festa, fa apparire una miriade di forme e di colori… Sono queste immagini, nate alla luce e dalla luce della parola, che troveranno posto nel lettore vi si imprimeranno e formeranno in lui le figure del desiderio. Infine, da questo giardino chiuso di cui l autrice, il lettore e il desiderio sono nello stesso tempo il motore e la posta in gioco, Fausta Genziana Le Piane giunge a creare un mondo in cui l infinitamente grande affianca l infinitamente piccolo, in cui l idea stessa di chiusura esplode. Non c è più spazio, non c'è più tempo. Lo scopo è dunque raggiunto: la scrittura e l'opera creativa in genere è in cammino per ingannare ed allontanare la morte.
 
Patrick Blandin, Université de Toulouse et de Bordeaux

Torna alla pagina precedente